Architettura in Sardegna


Vogliamo iniziare questo 2009 cercando di capire meglio quello che è il senso e la ragione di questo blog.

Sardarch è un blog che cerca di investigare i fenomeni legati all’architettura contemporanea e sulla Sardegna, e anche il modo in cui la Sardegna venga interessata dall’architettura.

 

Ci troviamo a vivere in una società che cambia dal punto di vista economico e urbanistico, e come il resto del mondo anche la Sardegna sta cambiando, un cambiamento che non deve essere inteso come esclusivo o differente, ma un cambiamento che deve essere affrontato come globale, ma con le specificità del caso.

Possiamo dire che in questi ultimi cinque anni la Sardegna è diventata un po’ “architetta”.

Abbiamo visto la sua terra calpestata da illustri maestri del panorama mondiale, per citare solo alcuni nomi Zaha Hadid, Rem Koolhass, Paulo Mendes da Rocha, Herzog and de Meuron, tutti onorati del Pritzker Prize, la più grande riconoscenza in campo architettonico.

Questo movimento architettonico ha portato nelle piazzette di città e paesi, persone comuni parlare di nuove costruzioni, nuovi musei, nuove strade,a discutere sull’architettura, fenomeno ormai dimenticato e in disuso in Sardegna.

Alcuni concorsi di idee hanno dato vita a nuove architetture, e tanti grandi architetti incaricati di progetti che hanno come obiettivo quello di risolvere problematiche urbanistiche e abitative che colpiscono l’isola.

Questo nuovo, tante volte visto come miracoloso, tante volte contestato e usato come strumento politico, ma al di la delle posizioni personali, ha portato un ondata di freschezza e speranza.

La speranza di tanti giovani studenti di architettura e ingegneria, di poter vivere in una regione all’avanguardia, in una regione che cambia.

La speranza di tanti giovani neolaureati, di tanti giovani studi, di poter scrivere nel loro piccolo una parte del cambiamento che è apparso all’orizzonte.

A livello universitario abbiamo visto l’affermarsi della facoltà di Alghero, e la nascita della nuova facoltà di Cagliari, segno di una necessità di architettura, di formazione, di insegnamento e ricerca;

centri dove dovrebbe nascere il confronto e l’apertura verso i poli d’oltremare.

Dove e come ci si dovrebbe schierare davanti a tutto ciò?

Noi come architetti e ingegneri sardi dobbiamo prendere una posizione politica, essere attivi nella vita politica del nostro paese e della nostra isola.

Il che non significa schierarsi, in modo tale da accaparrarsi incarichi, con la speranza che il politico di turno, nostro amico, si ricordi di noi.

Fin troppo spesso ci siamo nascosti e ci siamo dimenticati del nostro ruolo all’interno della società, che non è solo quello di disegnare edifici.

Ma la paura di tutta questa ondata di new architettura in Sardegna, parafrasando la parole di Prestinenza Puglisi apparse recentemente nel suo blog, è che un’ intera generazione di giovani architetti isolani non trovino il loro posto in questo profilerarsi di progetti, e che tutta questa movimentazione porti solo all’affermarsi delle grandi star.

Creative Commons License
Sardarch Blog by Sardarch is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...